Chiodo scaccia Chiodo

Chiodo scaccia Chiodo

Circa 3 mesi fà sono stato lasciato dalla mia ex morosa. Quella troia mi ha raccontato tante stronzate cercando di dare la colpa a me di tutto e tutti finchè alla fine alcuni conoscenti mi avevano detto che l’avevano vista assieme ad un altro ragazzo sbaciucchiarsi al pincio.
Distrutto dal tradimento mi sentivo una mezza merda e non avevo voglia di uscire di casa e sopratutto dalla mia camera da letto. Un giorno sento una voce nuova dentro casa ed esco fuori dalla camera. Tutto ad un tratto vedo una ragazza. Aveva una felpa con cappuccio tirato su e i capelli corti. Era la figlia dei nuovi vicini che era venuta a chiedere alcune informazioni a mia mamma. Di primo impatto non sembrava molto carina. Le ragazze con i capelli non troppo lunghi non mi sono mai piaciute molto. Lei però era molto carina in viso e aveva un taglio con capelli fino alle orecchie. Diamine alla luce faceva la sua differenza. Era da molto che non vedevo una ragazza e lei mi ha zittito subito con il suo sguardo. Si è presentata ed è andata via. Sono rimasto di stucco. Wow mi aveva davvero colpito cosi tanto che per 2 giorni ho pensato solo a lei.

Un giorno i miei non c’erano e sento suonare il campanello. Era lei che cercava mia mamma. L’ho invitata ad entrare e bere qualcosa. Notavo che mi guardava un pò imbarazzata e mi lanciava occhiate sexy come una che vuole un pò provocare. Dopo esserci raccontati storie sul più e sul menò si alza per andare via e anche io mi alzo le vado in contro e lei per salutarmi mi dà un bacio sulla guancia io però mi avvicino alla sua bocca e ci guardiamo negli occhi. Lei sembrava aspettare che la baciassi. Tentai e iniziò un bacio dolce e arrapante. Cavolo che velocità. Un grosso colpo di fulmine!! Siamo stati circa un quarto d’ora a baciarci cosi. La portai nella mia camera da letto. Sembrava che ci conoscessimo da tanto. Ero un pò impaurito dal fatto di fare tutto in fretta con questa ragazza. Cavoli mi aveva incatenato con i suoi sguardi. Era incredibilmente sexy anche con la felpa e il suo abbigliamento casual. Si chinò di fronte a me e mentre mi stava per slacciare la cintura arrivarono i miei. Ci siamo detti cavolo che sfiga. Lei però era ultra arrapata e mi diede un bacio sul jeans nel punto in cui il mio cazzo duro spingeva. Mi disse non appena esce tuo babbo dal bagno vai a metterti un preservativo che voglio essere scopata. “Ma ci sono i miei!” dissi. E lei rispose che usciva dalla finestra non appena avevamo finito. Corsi in bagno e velocemente salutai i miei. Dissi che mi sentivo stanco e che mi chiudevo in camera a dormire perchè ero triste. Non notando nulla di strano nel mio comportamento (facevo cosi tutti i giorni da quando ero stato lasciato) mi dissero va bene. Chiusi la porta a chiave e la vidi completamente nuda con la coperta che le scopriva metà tetta. Mi avvicinai a lei e mi tirai giù i pantaloni. Subito mi prese il cazzo in bocca. Paradiso in persona. Era diverso dagli altri pompini. Era più sentito, più lento e soffice come piaceva a me. Tutto ad un tratto le leccai la figa rasata e la sentivo gemere arrapata. Le salii sopra e la guardai negli occhi quando la penetrai lentamente. Era soffice e bagnata anche la sua figa. Iniziai a scoparmela come non avevo mai fatto e cambiammo diverse posizioni. La migliore era la sua cavalcata. Mi mise sotto e si sedette sopra il mio uccello. La sua figa bagnata non faceva attrito e faceva entrare tutto il mio cazzo dentro. Non volevo mai venire per non far finire tutto. Si girò e si mise a novanta e mi disse di leccarle il buco del culo perchè era la sua parte più erogena. Adoro il buco del culo e iniziai a leccarglielo avidamente e riuscii ad infilare tutta la mia lingua dentro. Non mi fregava niente dell’igiene. La situazione sembrava un sogno ad occhi aperti. Il suo culo era pronto ad accogliermi. Mi fece togliere il preservativo perchè voleva sentire la mia carne nel suo culo. Il culo non oppose resistenza e la mia cappella sentii subito il calore interno del suo corpo. Le piaceva tanto che si spingeva verso il mio cazzo lentamente facendolo entrare tutto fino alle palle. Di solito non facevo sesso cosi lento e dolce e allo stesso tempo porco. Ero più abituato a cavalcate animalesche. Nulla a che vedere col sesso lento, dolce e porco con lei. Mi disse di venirle nel culo perchè voleva sentire il calore mentre il mio cazzo pompava. Cosi feci e sentii lei che gemeva mentre il mio liquido la percorreva. Le sfilai il cazzo dal culo ammirando il suo buchetto largo. Prese un fazzoletto di carta e fece uscire lentamente tutto lo sperma dal suo culo. Si mise accanto a me e mi abbraccio. Stammo stesi tutta la notte. Passai 2 mesi incredibili con lei finchè un giorno arrivò la brutta notizia di un nuovo trasloco dei suoi genitori (erano in affitto). Le chiesi di andare a vivere assieme e non mi rispose. La mattina lei e i suoi non ci furono più e nessuno ha saputo più dove fossero andati. Trovai una lettera con su scritto “Scusami, un giorno ci incontreremo di nuovo…” Nn c’è giorno in cui non vado ad aprire la porta ogni volta che suona il campanello. La rivedrò mai?…

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 7.1/10 (7 votes cast)
Chiodo scaccia Chiodo, 7.1 out of 10 based on 7 ratings
La ragazza del mio amico
Mia sorella a pecorella

Leggi altri racconti

Leave a Comment